Che fare?... Passiamo all'azione!

         



Di fronte alla "bellezza" dei fiori che ho ricevuto,
di fronte al "dono" dei fiori:
Che devo fare?
Sono libera di dare una risposta: quale?

  1. restare indifferente, come se nulla fosse accaduto?
  2. gettarli via?
  3. ampliare il gesto d'amore che c' dietro al dono, dire il mio "grazie" e
    far nascere una storia d'amore?

    (e per amore non si fanno pazzie?)
il Creatore del mondo ci ha fatto dono della vita ma ad ognuno di noi questo dono è giunto:

- tramite i nostri genitori,
- qui su questa Terra,
- accanto ad altri uomini e donne

Insomma: non ci siamo dati la vita da soli, non siamo frutto del caso, non siamo su un pianeta tutti solitari... anzi... siamo in grado di "comunicare" (che grande dono!).

Qual è la mia risposta a questo dono?

  • Non mi interessa!
  • Ci sto lontano, ho paura!
  • Mi fido del mio Creatore perch a Lui tutto possibile: se ha fatto questo mondo legato allo spazio-tempo pu anche farne un'altro con più dimensioni non visibili...
    Mi getto nell'abisso... e cerco di dare una risposta d'amore...(del resto, quando si è innamorati, non si fanno pazzie?)

E, forse, dare una risposta a questa domanda comporta darne una anche ad altre:

Chi sei tu veramente?

Sei "in sintonia"?

Una cosa sembra ovvia: se vogliamo vivere dobbiamo entrare in relazione con gli altri.
Ma come farlo?
Come vittime o come carnefici?

Con quale progetto "io" mi avvio
in questo cammino incontro agli altri?


"Donando me stesso agli altri"?
 
   

il Creatore del mondo non è un Dio inattivo, un Dio assente.

E' l'Altro che ti cerca...

- Ha iniziato con Abramo chiamandolo: "Esci dalla tua terra" (Gen 12,1),   mettendolo alla prova,...
- Ha chiamato Mosè che rispose "Eccomi"
- Ha rivelato se stesso attraverso Gesù di Nazaret...
- Ogni giorno ci cerca...

Quindi: come entro "io" in relazione con l'Altro, con il Dio che mi cerca...?



il Creatore del mondo mi cerca con gli altri..
E se dovessi entrare in relazione con Lui "io" insieme agli altri?


   
   

Finalmente è gioia...